mercoledì 27 novembre 2013

Recensione: POD - Perle di Orrore e Distruzione di Stephen Wallenfels

Buongiorno lettori fantasy!
Come state? Lo so, vi sto bombardando di recensioni questa settimana, ma i libri che sto divorando leggendo ultimamente sono davvero avvincenti. Oggi vorrei parlarvi di POD - Perle di Orrore e Distruzione di Stephen Wallenfels, inviatomi in omaggio dalla Casa Editrice Piemme Freeway. Forse ve lo avevo già accennato almeno un centinaio di volte, che ho iniziato con immensa gioia la mia collaborazione con loro e vi ho anche mostrato i meravigliosi libri che ho ricevuto qui.


Titolo: POD - Perle di Orrore e Distruzione
Autore: Stephen Wallenfels
Editore: Piemme Freeway
Pagine: 291
Prezzo: € 17,00
Data di pubblicazione: 5 Novembre 2013

TRAMA:
Quando in cielo compaiono all'improvviso gigantesche sfere nere rotanti, che polverizzano in lampi di luce azzurra chiunque sia stato sorpreso in strada in quel momento, i superstiti barricati in casa saranno tutti costretti a rispondere alla stessa domanda: "Cosa sono disposto a fare per sopravvivere?". POD è la storia di un cataclisma globale, narrato dal punto di vista di Megs, una ragazzina dodicenne intrappolata nel parcheggio sotterraneo di un hotel a Los Angeles, e di un sedicenne di nome Josh, bloccato in una casa a Prosser, nei pressi di Washington, con suo padre, un uomo affetto da manie ossessivo-compulsive. Per entrambi, cibo, acqua e tempo stanno esaurendosi. E intanto un nemico extra-terrestre, che ha inspiegabilmente dichiarato guerra all'umanità, attende paziente sospeso sopra di loro... Ce la farà Megs a sopravvivere abbastanza a lungo da rivedere sua madre? Riusciranno Josh e suo padre a sopravvivere l'uno all'altro?
L'AUTORE:E' nato nel New Hampshire e si è laureato in Educazione Fisica all'Alliant International University di San Diego. Vive con la moglie nello stato di Washington dove lavora come direttore marketing. POD è il suo romanzo d'esordio, attualmente sta lavorando al seguito.
LA MIA RECENSIONE:
E' un giorno come un altro quando alle 5.00 del mattino, dopo un rumore assordante, il cielo viene invaso da sfere enormi e nere. Josh, sedicenne di Washington, le chiama POD, Perle di Orrore e Distruzione. Perle per la loro forma, orrore e distruzione per quello che fanno. Le POD cancellano tutte le auto e le persone, e costringono gli esseri umani a una lunga prigionia nelle loro case. Uscire di casa per comprare i viveri è indispensabile, ma non si può. Inizia una lunga lotta per la sopravvivenza, razionamento del cibo, dell'acqua, delle medicine. Dall'altra parte degli Stati Uniti, a Los Angeles, una bambina di 12 anni di nome Megs, lotta in un parcheggio di auto per la sua sopravvivenza... Cosa sono disposti a fare Josh e Megs per sopravvivere?

POD è un libro fantascientifico, che racconta di come due ragazzi, Josh e Megs, tentano di sopravvivere durante un'invasione aliena. Josh è un sedicenne che vive a Washington con il padre, ingegnere e maniaco della pulizia e precisione. Quando il mondo viene invaso dalle POD, sfere nere e lucide sospese nell'aria, così soprannominate da Josh, gli umani non possono più uscire dai loro edifici. Non possono più acquistare cibo, acqua, medicine e tutto il necessario per vivere. Sono costretti a sopravvivere con il cibo che è rimasto nelle loro case, ma anche quello è destinato a finire. Josh non solo deve sopravvivere all'invasione aliena, ma deve anche sopportare suo padre e le sue manie di ordine. E' una convivenza claustrofobica, forzata. Il protagonista, forse per la sua età, non riesce proprio a capire l'importanza del razionamento del cibo, il risparmio di ogni singola cosa per sopravvivere il più a lungo possibile. Non sopporta suo padre, e per questo motivo io per certi aspetti non ho sopportato Josh. Fin dall'inizio di questo libro ho notato qualcosa che non quadra: la terra viene invasa da queste sfere nere, le POD, ma Josh non si fa le mille domande che un qualsiasi essere umano si farebbe. Cosa vogliono? Come faremo? Se ne andranno? Da dove arrivano? La mancanza di queste riflessioni mi ha parecchio sconcertata
Lo stile di scrittura è davvero particolare e anche questo per certi aspetti non mi è piaciuto. Le frasi sono brevissime, soggetto, verbo, complemento, punto. Verbo, complemento, punto. Ci sono pochissime congiunzioni e una frase non arriva mai ad occupare più di due righe, anzi la maggior parte sono composte da poche parole. Proprio per questo stile, i sentimenti per personaggi traspaiono poco, anzi direi che sono sepolti. E' un libro che non vuole dirci nulla sui sentimenti, preferisce "mostrare" i fatti e farci pensare da soli dinanzi alla situazione che presenta. Le descrizioni sono veramente poche, povere, brevi. Ma nonostante tutta questa mancanza di descrizioni, nonostante i vari aspetti che non mi sono piaciuti, ho divorato POD in un giorno, completamente angosciata dalla storia. 
Il libro è suddiviso in giorni, un po' come se fosse un diario di sopravvivenza, e ogni giorno si divide tra il racconto di Josh e il racconto di Megs. Megs è una ragazzina di 12 anni, abbandonata a sé stessa in un parcheggio costretta a fare cose orrende per sopravvivere. Non è chiaro il perché Megs e Josh siano collegati. L'uno vive a Washington e l'altra vive a Los Angeles, dall'altra parte dell'America. Solo verso il finale si intuisce qualcosa, lontanamente. POD è più un diario di sopravvivenza, gli elementi che lascia in sospeso credo che trovino risposta nel secondo volume. Non sappiamo ancora cosa siano le POD, cosa vogliono, cosa fanno. Non sappiamo perché viene raccontata proprio la storia di Josh e Megs.
So solo che nonostante i difetti del libro, alla fine mi sono ritrovata completamente angosciata da questa lotta alla sopravvivenza e totalmente sconvolta per il finale. Un vero peccato per la mancanza di descrizione delle sensazioni dei personaggi, avrei potuto piangere e piangere in un certo punto, ma le mie emozioni sono state smorzate dalla descrizione fredda di quel momento.
Aspetto con angoscia il secondo volume per sapere di più sulle POD e su Josh e Megs. Sono sicura che il seguito sarà ancora più bello e più avvincente, ma intanto a POD metto tre stelline e mezza.

Valutazione:


Cari lettori, cosa ne pensate? Avete voglia di leggere questa storia angosciante che promette un seguito avvincente? Che ne pensate?

Dreaming Fantasy

32 commenti:

  1. Mi incuriosisce^^ lo metto in wl ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima! *-* Leggerò la tua recensione con piacere!

      Elimina
  2. Mmmm non lo so U.U non mi convince fino in fondo questa trama :/ ma forse è solo meglio per la mia già enorme pila di libri da leggere XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me ispirava tantissimo! Non sono delusa perché per certi aspetti mi è piaciuto davvero tanto, l'ho divorato e mi ha angosciata! Per altri aspetti sono meno entusiasta, ma aspetto il seguito *-*

      Elimina
  3. Io credo che non lo leggerò. E poi anche io odio quando le frasi sono cortissime e interamente caratterizzate da un soggetto e verbo punto. Oh mamma starei male a leggerlo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si diciamo che lo stile è proprio particolare :)

      Elimina
  4. Mmm... la tua descrizione dello stile dell'autore mi sta facendo un po' riflettere (in linea di massima generale, non ho nulla contro lo stile sincopato e stringato di taluni autori, anzi, però non lo prediligo certo in senso stretto). Però la trama mi ispira troppo: lo voglio leggere assolutamente!! *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me pochi autori possono permettersi di scrivere così senza mai risultare freddi o pesanti.. ma questo libro è davvero niente male, quindi se lo prendi leggerò con piacere la tua recensione *-*

      Elimina
  5. Diciamo che non vado pazza per la fantascienza, però questo libro ha qualcosa che mi attira un sacco *__*
    bella recensione, vedremo quando leggerò io questo libro cosa ne penso!!

    RispondiElimina
  6. Mm.. che angoscia veramente pensare alla lotta per la sopravvivenza, il razionamento del cibo e così via. Poi il protagonista che non si fa certe domande mm, non so è l'età forse? Comunque l'avevo visto in libreria e non ero molto curiosa al riguardo, leggendo la tua recensione però devo dire che un po' di curiosità me ne hai messa ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può darsi che sia l'età o il suo carattere! Non ho avuto la possibilità di capirlo sinceramente. Ho più fiducia per il seguito!

      Elimina
  7. Al momento non mi ha convinta tantissimo ma chissà prima o poi lo potrei leggere se dici che almeno l'angoscia è ben evidenziata e rende l'idea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' molto carino per questo aspetto! Aspetto la tua recensione se lo leggerai!

      Elimina
  8. Forse non fa per me.. troppo angoscioso!!! xD
    Comunque c'è un premio per te nel mio blog! :3
    http://ikadreaming.blogspot.it/2013/11/third-award-conoceme-3-e.html

    RispondiElimina
  9. Quando ci saranno i seguiti forse inizierò anche questa saga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda io lo spero con tutto il cuore..ultimamente le CE in generale abbandonano tantissime serie :(

      Elimina
  10. Hai presente quando vedi una copertina e pensi: "non voglio avere niente a che farci"? Non che sia brutta, ma non mi ha mai suscitato interesse. Ma cavoli, fantascienza+angoscia: DEVO leggerlo.
    Prossimo acquisto sicuro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si! Mi è successo con tanti libri! Alla fine mi è anche capitato di amare anche una cover che non mi piaceva dopo aver letto il libro!
      Se lo leggerai leggerò sicuramente la tua recensione *-*

      Elimina
  11. Ti è presa la vena da scrittrice ultimamente, eh? ahahah
    Mi incuriosisce molto questo libro e anche se tu non hai dato un parere proprio positivissimo, credo che me lo prenderò lo stesso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha hai visto Ile? xD Scrivo recensioni troppo lunghe rispetto al mio solito xD
      Se lo prendi devi assolutamente farmi sapere cosa ne pensi!

      Elimina
  12. Bella recensione, credo proprio che leggerò questo libro. Le frasi brevi e scarne sono una sfida all'interpretazione delle emozioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara!
      Una bella sfida, sì! Sono fiduciosa per il seguito!

      Elimina
  13. Peccato che non siano state descritte molto le emozioni dei personaggi però mi incuriosisce molto.. mi piace anche l'idea del libro suddiviso in giorni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è stata un'ottima idea! Fa percepire al lettore lo scorrere lento dei giorni di "prigionia"!

      Elimina
  14. Ecco la recensione, ed ecco che riesco a leggerla...
    Come ti ho già detto, questo fatto delle frasi brevi mi fa storcere il naso, non sono una che ama molto la brevità e questa povertà di descrizioni e di emozioni. Un libro può essere affascinante e interessante quanto voglio, ma se non mi trasmette emozioni non riuscirà mai a piacermi del tutto. Leggendo la tua recensione credo che l'autrice sia stata un po' troppo superficiale nel raccontare la storia, ok che è il primo volume di una serie, ma poteva impegnarsi un po' di più per far comprendere al lettore le situazioni e i personaggi.
    Lo leggerò sicuramente, non so quando, ma le aspettative sono un po' calate...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io non apprezzo particolarmente questo tipo di scrittura, secondo me pochi scrittori possono permetterselo! Io ho un po' più aspettative per il secondo volume, voglio vedere dove vuole arrivare lo scrittore! Deve rispondere a tantissime mie domande! Leggerò sicuramente la tua recensione *-*

      Elimina
  15. Ero un po' incerta su questo libro ma la tua recensione mi ha chiarito un po' le idee. Non credo che lo leggerò a breve, magari quando uscirà il seguito gli darò un'opportunità :)

    RispondiElimina
  16. Ho visto questo libro per la prima volta sul tuo blog...sembra molto interessante, ma mi ricorda "La guerra dei mondi" :D

    RispondiElimina
  17. Ok, sono decisamente curiosa adesso!! *__*

    RispondiElimina
  18. Appena iniziato, sono davvero curiosa...vedremo! Bella recensione Leda :)

    RispondiElimina

Grazie per aver commentato!

GRAFICA E LAYOUT A CURA DI DAYDREAM DESIGN ©